Il pedofilo “in trappola” implora misericordia: “Lasciatemi andare!” – VIDEO

“Lasciatemi andare!”. Così, come un animale in trappola, Praju Prasad, 24 anni, ha implorato i “cacciatori di pedofili” che l’avevano stanato e poi catturato di liberarlo. Purtroppo per lui era ormai troppo tardi. E dire che fino a poco prima ostentava una tracotante sicurezza nel tentare di adescare una ragazzina di appena 12 anni. Il giovane pervertito è stato incastrato, per l’appunto, proprio mentre era a un passo dall’incontrarla…

Tutto è cominciato con una chat sui social media. Prasad a cominciato a “chiacchierare” con quella che aveva subito individuato come una potenziale nuova preda sessuale. Ignaro del fatto che dietro il suo falso nome si nascondeva un team di operatori di Guardians of the North, un’organizzazione “sotto copertura” che dà la caccia agli uomini che molestano i minori. Una chiacchiera tira l’altra, e Prasad è arrivato a esporsi con avances sempre più compromettenti, fino a chiedere alla sua interlocutrice un appuntamento presso una stazione ferroviaria.

E’ a quel punto che gli operatori anti-pedofili hanno avvertito la Polizia e organizzato la “retata”. E gli agenti si sono trovati di fronte a uno spettacolo tra il grottesco e l’umiliante: il giovane in ginocchio, a mani giunte, che li pregava di lasciarlo in pace e chiedeva insistentemente “pietà”, arrivando ad afferrare uno di loro per il polpaccio. Va da sé che i poliziotti non gli hanno dato retta. E dopo essersi dichiarato colpevole Prasad, residente a Bell Street, North Shields, nel Regno Unito, è stato appena condannato dalla Newcastle Crown Court a nove mesi di carcere (pena sospesa per 18 mesi) oltre a una multa di 140 sterline (circa 160 euro). Per cinque anni dovrà apporre la sua firma sul registro dei condannati per abusi sessuali. Oltremanica molti hanno criticato la sentenza, giudicandola troppo “morbida”, data la gravità dei reati in questione. Giusto o sbagliato? Il dibattito è aperto…

Precedente Slitta ancora l’abolizione dei vitalizi. M5S: “Privilegio medievale, il Pd continua a rinviare” Successivo Urla, sudore e gemiti: “Un parto? No, molto peggio…” – VIDEO